Programma di rivitalizzazione per le colture di caffè e tè in Kenya

Il governo keniano ha lanciato un programma di rivitalizzazione volto a proteggere gli agricoltori di tè e caffè e salvaguardare uno tra i settori che consentiva di intercettare valuta estera.

Le colture hanno subito un costante declino negli ultimi anni a causa dei bassi rendimenti e della cattiva gestione del settore.

Il Segretario di Gabinetto dell’Agricoltura, Peter Munya, ha presentato il programma da 15 milioni di dollari, che ha come obiettivo otto contee che rappresentano circa il 70% della produzione di caffè del Paese.

«Ci stiamo concentrando sul miglioramento della produzione e della qualità del caffè, rilanciando la sua crescita, formando e supportando gli agricoltori con semi di qualità, servizi di ampliamento, rinnovamento delle fabbriche di caffè e dei mulini, migliorando lo stoccaggio e l’approvvigionamento dei mercati», ha detto Munya.

Il programma, finanziato dalla Banca mondiale, è l’ultimo tentativo del Kenya di rilanciare il settore e integra il fondo rotativo Cherry da 30 milioni di dollari del governo, avviato a gennaio.